Tempi Semplici

Inviato da:

I tempi semplici : Vengono definiti tempi semplici tutti i tempi che hanno una suddivisione binaria del tempo.

Nei tempi semplici (o tempo binario) il numeratore serve ad indicare quanti accenti che sono contenuti nella battuta, mentre il denominatore serve ad indicare la durata degli accenti (per esempio il tempo ¾ possiede 3 accenti con un valore di ¼ ciascuno).

Nei tempi binari si possono incontrare tre differenti tipologie di misure :

Misure fondamentali : sono le misure che possiedono come unità di pulsazione la semiminima nota dal valore di ¼ : 

Tempi semplici 01

Misure per aumentazione : sono le misure che possiedono come unità di pulsazione la Minima, nota dal valore di 2/4 :

Tempi semplici 02 (aumentazione)

Tempi semplici 03(aumentazione)

Come si vede nell’esempio,ogni accento è costituito da due movimenti dal valore di ¼ ciascuno, pertanto una battuta da 2/2  viene scritta con un valore totale pari ad una semibreve (4/4), ma viene letta come se il valore totale fosse una minima (2/4), cioè dimezzando il valore di ogni nota.

Il motivo è semplice, nei tempi per aumentazione raddoppia tutto, sia il tempo, sia il valore di pulsazione, sia il valore di suddivisione.

Pertanto se raddoppia il valore della battuta, raddoppiano anche i valori delle frazioni contenute in essa.

Questa regola viene applicata a tutti i tempi per aumentazione.

Misure per diminuzione : Adottano il principio inverso dei tempi per aumentazione.

Esse possiedono come unità di pulsazione la croma, nota dal valore di 1/8 :

Tempi semplici 04 (diminuzione)

Tempi semplici 05(diminuzione)

Come si vede nell’esempio,ogni accento è costituito da due movimenti dal valore di 1/8 ciascuno, pertanto una battuta da 2/8  viene scritta con un valore totale pari ad una semiminima(1/4), ma viene letta come se il valore totale fosse una minima (2/4), cioè raddoppiando il valore di ogni nota.

Il motivo è semplice, nei tempi per diminuzione si dimezza tutto, sia il tempo, sia il valore di pulsazione, sia il valore di suddivisione.

Pertanto se dimezziamo il valore della battuta, dimezziamo anche i valori delle frazioni contenute in essa.

Questa regola viene applicata a tutti i tempi per diminuzione.

Quindi riassumendo il tutto i tempi semplici possono essere :

Tempi semplici 06

Per ulteriori informazioni consultare la voce : Tempi musicali.

CreativeMinds WordPress Plugin Super Tooltip Glossary

0
Daniel Petronzi

Circa l'autore:

Studente del Conservatorio Vivaldi di Alessandria, allievo del Prof. Data Massimo per il corso di Fagotto, del Prof. Piacentini Riccardo per il corso di Composizione e del Prof. Vercillo Giorgio per il corso di Pianoforte. Ho dato vita a questo sito nella speranza di trasmettere a tutti quanti la mia passione: la musica!

You must be logged in to post a comment.