Modulazioni cromatiche

Inviato da:

  • Le modulazioni cromatiche: Per modulazione cromatica si intende l’uso di un movimento cromatico per far virare il discorso musicale su di una nuova tonalità.

    Infatti queste modulazioni sfruttano il cromatismo per introdurre la modulazione, il tutto deve rispettare delle regole ben precise e deve avvenire su funzioni ben specifiche per renderne gradevole la transizione venso la tonalità di arrivo:

    • Il cromatismo deve avvenire su funzioni di movimento come V e VII grado (funzioni di Dominante).

    • La voce che genra il cromatismo cerca di sfruttare gradi precisi dell’accordo come la settima, la nona o la sensibile della nuova tonalità.

    • Il cromatismo risolve sempre nella stessa direzione da cui è partitio

    • la voce che genera il cromatismo è la stessa che deve risolverlo

    • L’accordo alterato si comporterà (e risolverà) come la sua nuova funzione indica, affermando la nuova tonalità.

    • Le parti a moto obbligato dovranno essere rispettate (la nuova sensibile dovrà risolvere sulla tonica, il cromatismo dovrà risolvere nella stessa direzione da cui arriva, etc…)

    • Per confermare con stabilità la modulazione è consigliato affermare le tre funzioni principali della nuova tonalità (Tonica, Dominante e Sottodominante).

    • L’uso del maggior numero possibile di note in comune fra l’accordo di parte e quello di arrivo aiuta ad attenuare l’ingresso della nuova tonalità.

    • È possibile succedere più modulazioni concatenando modulazioni cromatiche sulle funzioni di Dominante delle varie tonalità di passaggio.

      Questo non è sbagliato ma genere instabilità nell’armonia, quindi è da farsi solo con una certa intenzionalità di causa come nel caso delle progressioni modulanti.

Ecco un esempio di modulazione cromatica:

L’esempio potrebbe proseguire senza troppi problemi continuando a toccare la Tonica della tonalità dì arrivo per poi introdurre una nuova modulazione cromatica.

Per ulteriori informazioni consultare le voci: Modulazione

0
Daniel Petronzi

Circa l'autore:

Studente del Conservatorio Vivaldi di Alessandria, allievo del Prof. Data Massimo per il corso di Fagotto, del Prof. Piacentini Riccardo per il corso di Composizione e del Prof. Vercillo Giorgio per il corso di Pianoforte. Ho dato vita a questo sito nella speranza di trasmettere a tutti quanti la mia passione: la musica!

You must be logged in to post a comment.