Intervalli congiunti

Inviato da:

Un intervallo può essere definito congiunto quando non vi son altezze mancanti fra il suono di origine e quello di arrivo.

In altri termini, un salto congiunto segue il normale andamento della scala.

Per esempio, in una scala di Do Maggiore, la sequenza della scala è:

  • Do-Re-Mi-Fa-Sol-La-Si-Do

Questa a sua volta è composta da sette salti di seconda:

  • Do-Re, Re-Mi, Mi-Fa, Fa-Sol, Sol-La, La-Si, Si-Do

Questi insieme formano la sequenza della scala di Do Maggiore e sono tutti intervalli congiunti.

Per ulteriori informazioni consultare le voci: Intervalli, Intervalli disgiunti.

0
Daniel Petronzi

Circa l'autore:

Studente del Conservatorio Vivaldi di Alessandria, allievo del Prof. Data Massimo per il corso di Fagotto, del Prof. Piacentini Riccardo per il corso di Composizione e del Prof. Vercillo Giorgio per il corso di Pianoforte. Ho dato vita a questo sito nella speranza di trasmettere a tutti quanti la mia passione: la musica!

You must be logged in to post a comment.